AVVERTENZE PER GENI

RIVISTA DI CONSIDERAZIONI CULTURALI DIRETTE A PERSONE IN GRADO DI LEGGERLE

NOTE ROMANTICHE SUGLI SCRITTORI

james joyce

di Stefania Fabri ©

C’è un intervento di Virginia Woolf nel testo pubblicato da elliot  “Note ai miei libri”[1] di Joseph Conrad che dice: “È chiaro che per ammirare e celebrare questo genere di uomini e azioni in modo romantico, appieno con il fervore di un innamorato, bisogna essere dotati di una doppia visione, bisogna esserne dentro e fuori al tempo stesso.” E più avanti spiega: “Solo Conrad era in grado di vivere questa doppia vita, perché Conrad era la fusione di due uomini: accanto all’uomo di mare  viveva il sottile, raffinato ed esigente analista che lui chiamava Marlow: «Un uomo molto discreto e comprensivo» lo definiva.”[2] E quando Conrad spiega in che modo la narrativa possa aspirare ad essere  arte la soluzione dello scrittore è straordinariamente e piacevolmente  irrazionale: “La narrativa – se aspira a essere arte – fa appello al temperamento. E in realtà deve essere come la pittura, come la musica, come tutta l’arte, l’appello di un temperamento a tutti gli altri innumerevoli temperamenti, dotati del sottile e irresistibile potere di conferire agli eventi il loro vero significato, e di creare l’atmosfera morale ed emotiva di un luogo e di un tempo”[3]. Ovviamente il ‘temperamento’ è un concetto difficile da giustificare come capacità cerebrale, ma nello stesso tempo fa certamente parte delle doti di un artista. Quando Conrad spiega la differenza tra ‘soprannaturale’ e ‘meraviglioso’ ci fa comprendere che è solo la scrittura ad essere capace di inventare il ‘meraviglioso’ : “io sono troppo fermamente consapevole del meraviglioso per potermi far affascinare dal semplice soprannaturale, che (prendetela come vi pare) è soltanto un articolo artificiale, il prodotto di menti insensibili all’intima delicatezza del nostro rapporto con i morti e i vivi nella loro innumerevole moltitudine, una profanazione dei nostri più cari ricordi, un oltraggio alla nostra dignità”[4].

Molto romantico e seducente per chi ama gli scrittori (certi scrittori) è anche il libro pubblicato da Iperborea dell’olandese Cees Nooteboom “Tumbas. Tombe di poeti e pensatori”[5], che contiene più di 80 tombe di scrittori. Da adolescente romantica quale sono stata ho frequentato il cimitero Acattolico di Roma e sono andata ad omaggiare John Keats, morto a Roma nel 1821 e che ha definito la Morte come più intensa di Poesia, Fama e Bellezza. Tale fascino lo subì anche Oscar Wilde che si distese sulla tomba di Keats a meditare. Tra i miei preferiti c’è anche James Joyce che morì nel 1941 a Zurigo dove si era trasferito da appena un anno e nel libro viene ricordato un suo brano tratto da “Gente di Dublino”: “La sua anima si era avvicinata a quella regione in cui dimoravano le vaste schiere dei morti. Era conscio della loro vacillante e illusoria esistenza”[6]. Tra gli italiani c’è Italo Calvino, sepolto a Castiglione della Pescaia nel 2005, e che l’autore del libro ricorda di aver incontrato a Parigi dalla scrittrice americana Mary McCarty. Ricordando l’edizione nederlandese del libro del “Castello dei destini incrociati”, Nooteboom evoca l’apparizione dell’Arcano Numero Tredici, che rappresenta il mondo infero, la trasformazione, la disgrazia, ma anche la liberazione. Altra tomba di un italiano citato nel libro è il sommo poeta, Dante Alighieri (sepolto a Ravenna in cui si trovava al momento della morte nel 1321 dopo l’esilio da Firenze), di cui si ricorda ciò che ne pensava Borges: “Ho letto molte volte la Commedia. […] Per quanto mi riguarda, mi ha accompagnato per tanti anni e so che appena l’aprirò, domani, scorgerò cose che non ho visto sino ad ora. So che questo libro andrà oltre la mia veglia e le nostre veglie.”[7]

 

[1] Joseph Conrad “Note ai miei libri”, Roma, elliot, 2015, p.11

[2] in op. cit. p. 12.

[3] in op. cit. p.23.

[4] in op. cit. p. 79.

[5] Cees Nooteboom, “Tumbas”, Milano, Iperborea, 2015.

[6] in op. cit. p. 183.

[7] p. 133.

Advertisements

Informazioni su forumdellibro

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: